Abitare tra passato e futuro

Il quartiere INA-CASA, nato negli anni ’60, ospita residenze semplici ed eleganti, come questa abitazione riprogettata che rispetta tali criteri stilistici e recupera le tracce della storia in chiave moderna, ottenendo ergonomia, comfort, risparmio energetico, calore e accoglienza. I tre piani fuori terra erano caratterizzati da una disposizione elementare, razionale e semplice, da una copertura in laterizio a due falde sfalsate e dalla presenza di ampie aperture che rendevano gli interni molto luminosi. L’obiettivo era quello di generare un nuovo equilibrio spaziale esterno/ interno e creare un’abitazione sobria, elegante e moderna, in grado di accogliere la cospicua quantità di mobili e suppellettili antichi in possesso della proprietà. L’intervento ha completamente ridisegnato la distribuzione interna dando vita a nuove superfici, anche attraverso il riutilizzo del sottotetto; al piano terra trovano spazio i locali di servizio e una tavernetta collegata alla zona esterna adibita a living estivo. Al piano superiore, al quale si accede attraverso una nuova scala sobria ed elegante, si trova una zona centrale living/ ingresso che accoglie chi entra e suddivide l’abitazione in due ali distinte: zona giorno e zona notte. Grande attenzione è stata posta nel ridisegno del balcone; la struttura in acciaio e le chiusure verticali, scorrevoli e fisse, svolgono la funzione di schermare i locali dai raggi solari, creando privacy verso l’esterno e generando un gioco di luci e ombre negli ambienti interni. Ogni componente interno è stato oggetto di un’attenta analisi, come l’illuminazione progettata su misura per valorizzare ogni specifico ambiente e le porte filo muro con la struttura in alluminio e vetro per dilatare lo spazio e i percorsi. È presente una parete progettata su misura per contenere un camino, una libreria e un televisore. La scala in acciaio verniciato che collega il piano sottotetto è composta da lastre di vetro con pedate in marmo travertino mentre, all’esterno, l’ingresso al primo piano avviene attraverso una scala con struttura in acciaio verniciato, con balaustra in tiranti d’acciaio e gradini in legno ricomposto. La finitura esterna al piano terra è stata realizzata in materiale ceramico ribadendo così il carattere formale ed estetico del fabbricato, la durabilità nel tempo e la resistenza agli agenti atmosferici. Nelle aperture sono state create delle svasature al fine di aumentare la visuale verso l’esterno e reperire più luce possibile. La recinzione esterna, con funzione di filtro e di delimitazione fisica, è stata realizzata con lo stesso materiale ceramico dei prospetti. Gli interventi di coibentazione esterna sulle pareti e in copertura, gli infissi a taglio termico e basso emissivi e l’installazione di nuovi impianti per ridurre il consumo di energia hanno migliorato il comfort termico e il benessere abitativo. Questo intervento ha saputo mantenere il passato come chiave per interpretare il futuro e per rendere sublime il presente attraverso le tecnologie attuali.

Testo di Sara Renzoni
Foto di Vito Corvasce

Intervento: Ristrutturazione fabbricato residenziale
Luogo: Castellarano (RE)
Progetto architettonico: Archea Studio Associato di Architettura
Riccardo Nicolini, Gabriele Calzolari, Gessica Sghedoni
Collaboratori: Giuseppe Herman, Enzo Bucciarelli, Susanna Mazzoni
Committente: Privato
Anno di redazione: 2014
Anno di realizzazione: 2015
Imprese fornitrici: Corradi (Pergotenda®), Panaria Ceramica e Ruini Franco Srl (materiale ceramico), Zanni serramenti Srl (serramenti), Gieffe Srl (arredo bagno), Nava arredamenti Snc (arredi), Luce Trend Quarta Dimensione Srl e Mistif Srl (corpi illuminanti)
Imprese esecutrici: CDC Outliving (strutture esterne e arredo), Barchi Srl (opere edili), Termoidraulica Zanotti (impianto termoidraulico), EDF Srl (impianto elettrico), Lego3 (opere metalliche), Vetreria Paltrinieri Srl (cristallo), Verde&Più Srl (sistemazione area verde)
Dati dimensionali: 300 mq
Caratteristiche tecniche particolari: Rivestimento ceramico e terrazzo in metallo e legno Focus sul prodotto: pergola bioclimatica Alba