L'isola delle meraviglie

L'isola delle meraviglie

Una cartolina dal parco termale Negombo sull'isola di Ischia

L’Isola di Ischia è già di per sé qualcosa di così magnifico e lussureggiante che vien difficile trovare aggettivi per descriverla, tali che possano renderle davvero onore. Il compito si fa ancora più delicato quando occorre descrivere con parole il parco idrotermale Negombo, vera e propria oasi nell’oasi, situata nella Baia di San Montano, una tra le più suggestive insenature dell’isola, ricoperta di rigogliosa vegetazione. Luogo di benessere e tranquillità, il parco è stato creato, a partire dal 1947, dal duca veneto Camerini e dalla sua famiglia e, nel 1988, vi ha portato la sua sapiente competenza il noto paesaggista Ermanno Casasco. Al Negombo lo spirito della natura mediterranea si sposa con essenze africane, australiane, giapponesi oppure brasiliane che sono state importate per arricchirne la macchia. Dagli anni ’70 il luogo è divenuto parco idrotermale aperto al pubblico e vi sono state realizzate le strutture dedicate all’accoglienza turistica: piscine e servizi bar e di ristorazione. All’interno dell’oasi è stato poi realizzato un piccolo albergo di stile, dove l’ospite trova un rapporto personale e ogni tipo di comfort all’interno di ambienti freschi ed ariosi. La struttura è stata ribattezzata Hotel della Baia ed è un quattro stelle annesso al parco Negombo e alle sue 15 piscine tra marine, termali, terapeutiche, Kneipp e di Antroterapia; l’hotel ha anche una sua spiaggia privata. La struttura conta 16 camere, confortevoli e con giardino, e 5 depandance indipendenti con parco ed american bar. L’attrezzata oasi conta, oltre alle strutture di ristorazioni e alle piscine, numerosi giardini panoramici, fioriti ed odorosi, e una boutique per piacevoli acquisti. L’albergo è stato interessato da un importante intervento firmato Corradi; perfettamente integrate nella natura, infatti, troviamo 11 Pergotenda® Kubo autoportanti in alluminio chiuse ai lati con Ermetika®, che vanno a creare uno spazio outdoor protetto dal sole, nella stagione estiva, e riparato dagli agenti atmosferici, nei periodi più freddi, in modo che quello spazio possa essere vissuto in maniera confortevole tutto l’anno. La zona colazione dell’albergo si affaccia sul parco termale e sulla baia che dà il nome all’hotel, e anch’essa è stata valorizzata da ombreggianti Corradi utilizzando 4 pergole bioclimatiche Alba appoggiate sul retro di 2 B-Space in piano, con telo trapezoidale a scarico alternato, per offrire una maggiore protezione da sole e agenti atmosferici. Tra Alba e B-Space si è realizzato un portale in ferro, abbinato in altezza e colorazione con le strutture e unisce le due zone andando a dar vita, con continuità stilistica, ad una superficie ombreggiata unica ampia circa 100 mq. Il progetto, dunque, fa riflettere sull’approccio alchemico proprio di Corradi per l’interpretazione degli spazi esterni: indoor ed outdoor sono messi in continuità e pensati per armonizzare la quotidianità di chi li vive. Il parco e l’hotel, infatti, coesistono e convivono in un unico volume; non vi sono pareti a dividerli o limitarli e l’esterno diventa un continuo, un’appendice dell’interno.

Testo di Mattia Mezzetti