St. Moritz! St. Moritz!

 

St. Moritz! St. Moritz!

In Alta Engadina, nei pressi della stazione termale di St. Moritz Bad c’è un luogo di rifugio e relax per una famiglia dinamica. La coppia ha voluto ricreare un ambiente inaspettato e particolare, come il fatto di trovarsi nel sottotetto del teatro, realizzato alla fine dell’Ottocento, in stile neoclassico, all’interno di un hotel nella famosa località turistica. Non si è voluto rendere l’appartamento troppo engadinese, troppo classico o troppo contemporaneo, ma da questo mix e contrasto si è preso il meglio per far nascere l’unicum del progetto che ha saputo così rivisitare in chiave contemporanea la tradizione locale. Al di sotto la vita continua con i suoi ritmi frenetici mentre qui i padroni di casa si possono ritirare con la compagnia dei propri amici per gustare tutta la bellezza e la pace di questo luogo di villeggiatura sia invernale che estivo. La ristrutturazione dell’interno è stata complessa e difficoltosa: si è dovuto lavorare mantenendo le strutture originali di legno con controventatura in ferro che attraversano il volume della casa e che hanno influenzato la ridistribuzione della pianta. Sul pavimento doghe essenziali in rovere chiaro e in rovere spazzolato oliato di larghezza variabile si alternano a preziosi intarsi d’ardesia grigia; l’arredamento è in stile classico laccato avorio ma spezzato da un lungo tavolo bruno di origine tibetana. Ai riti conviviali è dedicato il soggiorno, un grande e luminoso open space con vista sul lago: qui si può conversare amabilmente sulle poltrone in pelle attorno al camino personalizzato in larice o ritirarsi a leggere attorno alla splendida stube in maioliche bianche decorate o tentare la sorte sul tavolo da gioco. La cucina torna contemporanea con il mobilio laccato bianco neve, in contrasto con l’ardesia nel top e nel pavimento. L’arredamento minimale non impedisce la convivialità intorno alla buona tavola: la struttura a isola permette di vivere insieme perfino la preparazione dei pasti. La zona pranzo è impreziosita da un tavolo realizzato su disegno, con struttura in ferro laccato bianco neve e il piano in vetro trasparente; a contorno le sedie nere di Arne Jacobsen. Il rigore cede il posto al gioco nella camera dei ragazzi, dove le montagne della boiseries in larice creano il sostegno dei due letti a castello, per i piccoli padroni di casa e i loro compagni. La camera patronale corrisponde all’idea progettuale del buon ritiro: intimità, lettura, relax con uno sguardo all’Oriente grazie al reimpiego di pannelli tibetani per la testiera del letto. Nell’ampio e luminoso locale il controvento in ferro suddivide l’alcova dalla zona lettura dove comode poltrone in pelle permettono di gustare intimamente il piacere di un buon libro. La contemporaneità ricorre ancora nel bagno principale con il gioco di contrasti bianco-nero donato dal pavimento in ardesia e i rivestimenti in pietra di Trani rigata; la tradizione trova il suo spazio nel box della rilassante sauna in legno. Mentre nel bagno privato dei bimbi si è deciso di concedersi all’allegria dei colori: dal mosaico sia a parete sia a pavimento, nei toni caldi dell’arancio e del rosso, ai sanitari gialli agli accessori blu opaco. Ma anche dall’otium intellettuale nel buon ritiro della mente e dello spirito lo sguardo può contemplare il mondo, grazie alle suggestive torrette in pietra con struttura in legno centinato. Ugualmente l’illuminazione è curata nei minimi dettagli. La luce naturale serve il giorno con i bow window e la notte con lampade a parete; i punti nevralgici sono evidenziati da sospensioni ancora contrastanti, come il lampadario nero La Murrina per la tavola del soggiorno o le appliques classicheggianti in legno laccato bianco lungo il corridoio.

Testo di Romina Angeletti Agnoletti
Foto di Germano Borrelli

SCHEDA TECNICA

Intervento: progetto per la realizzazione di un appartamento a St. Moritz
Luogo: St. Moritz (Svizzera)
Progettisti: Stefano Baldoni, Elena Ogna – studio Civico46
Committente: privato
Anno di redazione: 2001
Anno di realizzazione: 2002
Costo: 1.500.000, 00 euro
Imprese esecutrici: Vecom (Treviso)
Imprese fornitrici: Baxter; CLM per illuminazione (Molvena-VI); Dalla Costa forniture per arredi (Vicenza); Giovagnoli per tessuti e tende (Rimini)
Dati dimensionali: mq 250
Caratteristiche particolari: situato in un edificio storico del 1873