Tratti orientali

L’Aurelia, una storica via consolare romana, ospita alcuni piccoli stabili rurali che, nel tempo, si sono trasformati in luoghi di ristorazione. Lungo questo asse viario, nel Comune di San Giuliano Terme, si colloca il ristorante oggetto dell’intervento, già noto come “La Rota”. Il fabbricato, che riporta i tipici tratti comuni ad altri edifici della zona, come il mattone di colore rosso e il tetto a falde, si presentava degradato e in disuso da anni; le sue condizioni critiche hanno reso necessario un intervento di ristrutturazione sostanziale, sia dal punto di vista degli interni sia nell’area verde circostante, per recuperarne il pregio e il prestigio che ancora viveva nelle memorie degli abitanti del posto. Il progetto, a cura dello studio GMRT Associati, ha cercato di conservare la memoria storica del luogo e di ridare freschezza e vivacità all’immobile, approfittando dell’insediamento di una nuova attività di ristorazione giapponese. La presenza di un vasto parco, esteso su gran parte dell’area, ha permesso di creare un dialogo tra la natura all’esterno e i locali interni; l’area intermedia tra questi due luoghi è infatti caratterizzata da grandi pergole bioclimatiche fornite dalla ditta Corradi, racchiuse da membrane trasparenti, che permettono una sorta di osmosi tra la zona ristorativa e il verde circostante. Il layout dell’edificio, nel rispetto delle normative vigenti, è stato ridistribuito in modo da essere maggiormente funzionale per i clienti e il personale. Il nuovo ristorante presenta due aree di somministrazione. La sala principale è caratterizzata da una zona di tavoli alti e dal rullo trasportatore delle pietanze (kaiten), mentre una sala minore, più elegante e raccolta, è posta a una quota maggiore, collegata alla precedente da una comoda rampa. Tutti gli ambienti (il parco, la zona bar/ingresso, le sale di somministrazione e le pergole delle distese esterne) presentano un linguaggio architettonico unitario nei suoi connotati materici e compositivi; un viaggio sensoriale prepara così il cliente alla serenità del pasto. L’idea caratterizzante il progetto degli interni è stata la ricerca di un’identità chiara e ben riconoscibile, ottenuta tramite elementi di arredo su misura. Essi si ripetono nei diversi ambienti in modi differenti, fungendo a volte da elementi funzionali all’attività e a volte come decoro; sono caratterizzati da materiali poveri, come metallo e legno grezzo, che conferiscono all’insieme uno stile industriale e contemporaneo. Raffinate carte da parati dell’azienda Tecnografica riportano alla mente l’arte e i panorami orientali, su cui risaltano i giochi di contrasto ottenuti tramite la luce naturale e artificiale, e divengono elementi caratterizzanti, ricordando, con il loro impiego nei controsoffitti, nelle pergole e in diversi ambienti, la forma stilizzata degli ideogrammi. In questo progetto elementi semplici sono utilizzati in modo creativo, ma ordinato, legando l’architettura e la tradizione ospitale italiana alla cucina e ai simboli orientali.

Testo di Sara Renzoni
Foto di Alessio Mitola

Intervento: Ristorante Sushi-One
Luogo: San Giuliano Terme (PI)
Progetto architettonico: GMRT Associati - Luca Tabarrini, Andrea Morani, Emanuele Guidetti, Alessandra Ramelli
Collaboratori: Tommaso Ferrari
Committente: Sushi-One Pi Srl
Anno di redazione: 2018
Anno di realizzazione: 2018
Imprese fornitrici: Corradi, CDC Outliving
Dati dimensionali: 580 mq
Focus sul prodotto: pergola bioclimatica Alba